Efficienza energetica degli edifici e attestato di prestazione energetica

DECRETO DIRIGENTE UNITA' ORGANIZZATIVA - REGIONE LOMBARDIA

DECRETO 8 marzo 2017, n. 2456


Integrazione delle disposizioni per l’efficienza energetica degli edifici approvate con decreto n. 176 del 12.1.2017 e riapprovazione complessiva delle disposizioni relative all’efficienza energetica degli edifici e all’attestato di prestazione energetica.

"DDUO 08/03/2017 n. 2456"

SOMMARIO

Premesse
Decreto


IL DIRIGENTE DELL'U.O. ENERGIA, RETI TECNOLOGICHE E GESIONE RISORSE

PREMESSO che:
• con dgr. 3868 del 17.7.2015 sono state approvate le “Disposizioni in merito alla disciplina per l’efficienza energetica degli edifici e al relativo attestato di prestazione energetica, a seguito dell’approvazione dei decreti ministeriali per l’attuazione del d.lgs. 192/2005, come modificato con l. 90/2013”;
• la suddetta deliberazione dispone, tra l’altro, il rinvio ad un provvedimento del Dirigente competente per l’approvazione di un “testo unico” che contenga le disposizioni per l’efficienza energetica degli edifici e per la certificazione energetica degli stessi, in conformità a quanto previsto nel d.lgs. 192/2005, nel DPR 75/2013, nei decreti ministeriali del 26.6.2015 e nelle disposizioni regionali allegate alla medesima deliberazione;
• il “testo unico” di cui sopra è stato approvato con decreto dirigenziale n. 6480/2015, a cui ha fatto seguito l’integrazione disposta con decreto dirigenziale n. 224/2016, entrambi sostituiti con il documento aggiornato approvato con decreto del dirigente di U.O. n. 176 del 12.1.2017;

PRESO ATTO che con dgr 6276 del 27.2.2017 è stato stabilito:
• di aggiornare i contenuti delle disposizioni per l’efficienza energetica degli edifici, approvate con dgr n. 3868 del 17.7.2015, facendo proprio il principio di calcolo proposto dal Comitato Termotecnico Italiano per calcolare l’energia rinnovabile estratta dall’ambiente per produrre energia termica con le pompe di calore, in modo da riconoscere la maggior efficienza derivante dall’impiego diretto dell’energia primaria, con conseguente valorizzazione della quota di energia rinnovabile estratta dalle pompe di calore a gas;
• di dare mandato al Dirigente competente di provvedere, entro 30 giorni dall’approvazione della stessa dgr, ad integrare le disposizioni allegate al decreto n. 176/2017 con le modalità di calcolo definite nella suddetta proposta, da integrare nel software CENED +2.0, stabilendo che l’applicazione della metodologia decorra dalla data in cui sarà pienamente operativa la nuova versione del software;

RILEVATO che:
 • la formulazione della modalità di calcolo approvata dal CTI include una simbologia e un rinvio alle formulazioni contenute nella norma tecnica UNI/TS 11300-4 che non trovano diretta applicazione nella procedura di verifica dei requisiti e di calcolo delle prestazioni energetiche definite dalla disciplina regionale approvata con decreto n.176/2017 e che, per tale motivo, si rende opportuno recepire il principio per calcolare l’energia rinnovabile estratta dall’ambiente con le pompe di calore, formulandolo in modo coerente con la disciplina regionale;
• sono stati sollevati nuovi quesiti in merito all’applicazione delle disposizioni per l’efficienza energetica degli edifici, evidenziando le difficoltà di intervento che sorgono quando le parti che compongono l’involucro esterno degli edifici non appartengono allo stesso soggetto giuridico;
• è emersa la necessità di precisare che la verifica del fattore di trasmissione solare delle chiusure trasparenti deve essere eseguita anche quando queste ultime sono poste orizzontalmente, come i lucernari;
• è opportuno prevedere la possibilità di utilizzare un’unica targa energetica per più unità immobiliari negli stessi casi per i quali è prevista la possibilità di redigere un unico Attestato di Prestazione Energetica;
• si è riscontrata l’opportunità, per favorire l’accertamento sulla conformità degli Attestati di Prestazione Energetica, di chiedere al Soggetto certificatore di depositare la planimetria catastale dell’edificio contestualmente alla registrazione dell’APE stesso presso il Catasto Energetico Edifici Regionale, prevedendo che tale disposizione decorra dall’1.1.2018, in modo da consentire l’adeguamento del suddetto Catasto;
• sono emersi alcuni refusi nella numerazione di alcune delle disposizioni allegate al decreto 176/2017 e nel relativo allegato B, nonché nel mantenere la previsione di allegare all’Attesto di Prestazione Energetica una dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà (ex artt 19 e 47 DPR 445/2000), dal momento che la stessa dichiarazione è già inserita nel modello di Attestato approvato con decreto n.176/2017;

RITENUTO opportuno, al fine di consentire una lettura unitaria delle disposizioni regionali per l’efficienza energetica regionale, sostituire integralmente le disposizioni allegate al decreto regionale n. 176 ed il relativo allegato B, nonché riapprovare contestualmente tutti gli allegati di cui si compone la disciplina regionale;

CONSIDERATO che il documento di cui sopra rientra tra il risultato atteso del PRS individuato con codice 118. Econ.17.1 Promozione dell'edilizia sostenibile;

RICHIAMATA la l.r. 7 luglio 2008, n° 20, “Testo unico delle leggi regionali in materia di organizzazione e personale, nonché i provvedimenti organizzativi della X legislatura;

DATO ATTO che il presente provvedimento rientra tra le competenze della U.O. Energia, Reti Tecnologiche e Gestione Risorse, individuate dalla dgr n. 5227 del 31.5.2016;

 
DECRETA

1. di sostituire le disposizioni per l’efficienza energetica degli edifici ed il relativo allegato B, entrambi allegati al decreto n.176 del 12.1.2017, con le “Disposizioni in merito alla disciplina per l’efficienza energetica degli edifici ed al relativo Attestato di Prestazione Energetica” e con il relativo allegato B “Descrizione dell’edificio di riferimento e parametri di verifica”;
2. di stabilire che la nuova procedura per calcolare l’energia rinnovabile estratta dall’ambiente con le pompe di calore, descritta nelle “Disposizioni” di cui al punto 1, entrerà in vigore il 3 aprile 2017, data in cui sarà operativo, secondo quanto assicurato da Infrastrutture Lombarde, l’aggiornamento del relativo software di calcolo;
3. di riapprovare complessivamente, al fine di favorire una lettura unitaria della disciplina regionale, i seguenti allegati, parti integranti e sostanziali del presente provvedimento:
Disposizioni in merito alla disciplina per l’efficienza energetica degli edifici ed al relativo Attestato di Prestazione Energetica”, corredato dai seguenti documenti:
A. Definizioni
B. Descrizione dell’edificio di riferimento e parametri di verifica
C. Relazione tecnica
D. Attestato di Prestazione Energetica
E. Targa energetica
F. Titoli di studio del Soggetto certificatore
G. Annunci commerciali
H. Metodologia di calcolo
4. di disporre la pubblicazione del presente decreto e dei relativi allegati sul B.U.R.L.